Blog

Artt. 640, 641 e 642 c.p.
Non categorizzato

Artt. 640, 641 e 642 c.p.

Pubblicazione 1 luglio 2020

Art. 640 c.p. – Truffa

  1. DEFINIZIONE DEL REATO

Chiunque, con artifizi o raggiri, inducendo taluno in errore, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 51 a euro 1.032.

La pena è della reclusione da uno a cinque anni e della multa da euro 309 a euro 1.549:

1. se il fatto è commesso a danno dello Stato o di un altro ente pubblico o col pretesto di far esonerare taluno dal servizio militare;

2. se il fatto è commesso ingenerando nella persona offesa il timore di un pericolo immaginario o l’erroneo convincimento di dovere eseguire un ordine dell’autorità;

2-bis. se il fatto è commesso in presenza della circostanza di cui all’articolo 61, numero 5).

Il delitto è punibile a querela della persona offesa, salvo che ricorra taluna delle circostanze previste dal capoverso precedente o la circostanza aggravante prevista dall’articolo 61, primo comma, numero 7.

2. NATURA GIURIDICA

  • Delitto
  • Procedibilità a querela di parte/d’ufficio
  • Reato istantaneo
  • Di danno
  • Contro il patrimonio

3. BENE GIURIDICO TUTELATO

Intangibilità dei beni patrimoniali e libertà di espressione del consenso nei negozi giuridici.

4. OGGETTO MATERIALE DEL REATO

Il procurare a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale o l’arrecare ad altri un danno ingiusto con artifizi o raggiri e inducendo taluno in errore.

5. OGGETTO ATTIVO DEL REATO

Reato comune

Reato monosoggettivo

6. SOGGETTO PASSIVO

Chiunque subisca un danno dalle condotte truffaldine.

7. ELEMENTO OGGETTIVO DEL REATO

Reato di evento a forma vincolata

Reato commissivo

8. ELEMENTO SOGGETTIVO DEL REATO

Dolo generico

9. FORMA DI MANIFESTAZIONE DEL REATO

Consumato

Concepibile il reato in forma tentata.

Art. 641 c.p. – Insolvenza fraudolenta

  1. DEFINIZIONE DEL REATO

Chiunque, dissimulando il proprio stato d’insolvenza, contrae un’obbligazione col proposito di non adempierla è punito, a querela della persona offesa, qualora l’obbligazione non sia adempiuta, con la reclusione fino a due anni o con la multa fino a euro 516.

L’adempimento dell’obbligazione avvenuto prima della condanna estingue il reato.

2. NATURA GIURIDICA

  • Delitto
  • Procedibilità a querela di parte
  • Reato istantaneo
  • Di danno
  • Contro il patrimonio

3. BENE GIURIDICO TUTELATO

Interesse patrimoniale del creditore.

4. OGGETTO MATERIALE DEL REATO

Dissimulazione della propria insolvenza al fine di contrarre un’obbligazione con il proposito di non adempierla.

5. SOGGETTO ATTIVO DEL REATO

Reato comune

Reato monosoggettivo

6. SOGGETTO PASSIVO

Soggetto creditore.

7. ELEMENTO OGGETTIVO DEL REATO

Reato di condotta a forma vincolata

Reato commissivo

8. ELEMENTO SOGGETTIVO DEL REATO

Dolo generico (per alcuni, dolo specifico)

9. FORMA DI MANIFESTAZIONE DEL REATO

Consumato

Non è concepibile il reato in forma tentata.

Art. 642 c.p. – Fraudolento danneggiamento di beni assicurati e mutilazione fraudolenta della propria persona

  1. DEFINIZIONE DEL REATO

Chiunque, al fine di conseguire per sé o per altri l’indennizzo di una assicurazione o comunque un vantaggio derivante da un contratto di assicurazione, distrugge, disperde, deteriora od occulta cose di sua proprietà, falsifica o altera una polizza o la documentazione richiesta per la stipulazione di un contratto di assicurazione è punito con la reclusione da uno a cinque anni.

Alla stessa pena soggiace chi al fine predetto cagiona a se stesso una lesione personale o aggrava le conseguenze della lesione personale prodotta da un infortunio o denuncia un sinistro non accaduto ovvero distrugge, falsifica, altera o precostituisce elementi di prova o documentazione relativi al sinistro. Se il colpevole consegue l’intento la pena è aumentata. Si procede a querela di parte.

Le disposizioni di cui al presente articolo si applicano anche se il fatto è commesso all’estero, in danno di un assicuratore italiano, che eserciti la sua attività nel territorio dello Stato. Il delitto è punibile a querela della persona offesa.

2. NATURA GIURIDICA

  • Delitto
  • Procedibilità a querela di parte
  • Reato istantaneo
  • Di pericolo astratto (per alcuni, di danno)
  • Contro il patrimonio

3. BENE GIURIDICO TUTELATO

Patrimonio degli enti assicurativi.

4. OGGETTO MATERIALE DEL REATO

Distruzione, dispersione, deterioramento o occultamento di cose di proprietà, ovvero falsificazione o alterazione di una polizza o di documentazione richiesta per la stipulazione di un contratto di assicurazione, al fine di conseguire per sé o per altri l’indennizzo di un’assicurazione o, comunque, un vantaggio.

Cagionarsi una lesione personale o aggravare le conseguenze di una lesione personale prodotta da un infortunio o da denuncia di sinistro non accaduto, ovvero distruzione, falsificazione, alterazione o pre-costituzione di elementi di prova o documenti relativi al sinistro.

5. SOGGETTO ATTIVO DEL REATO

Reato proprio

Reato monosoggettivo

6. SOGGETTO PASSIVO

Ente assicurativo.

7. ELEMENTO OGGETTIVO DEL REATO

Reato di condotta a forma vincolata

Reato commissivo

8. ELEMENTO SOGGETTIVO DEL REATO

Dolo specifico

9. FORMA DI MANIFESTAZIONE DEL REATO

Consumato

Difficilmente concepibile il reato in forma tentata